XIII EUROMEETING ALL’EXPO 2015

IMG_20151007_200736XIII EUROMEETING

Regioni Europee e Turismo Sostenibile

Euromeeting è un seminario a carattere internazionale, un appuntamento annuale organizzato dalla Regione Toscana per NECSTouR, rete di 30 regioni europee di cui la Toscana è capofila, unite per garantire uno sviluppo sostenibile e competitivo del turismo.

La Regione Toscana e la rete NECSTouR hanno da sempre condiviso con la Commissione Europea i temi di Euromeeting e da alcuni anni ha dato un importante contributo all’evento anche il Consiglio d’Europa.

NECSTouR e la Regione Toscana -promotrice e organizzatrice, dal 2001, dell’annuale Seminario dedicato al ruolo delle Regioni europee per lo sviluppo sostenibile del Turismo Euromeeting, riconoscono nei temi e nelle iniziative dell’Expo 2015 di MilanoNutrire il pianeta, energie per la vita” una grande opportunità anche rispetto al turismo e al ruolo che le Regioni possono avere per la creazione di ambienti favorevoli alle piccole e medie imprese per un loro equilibrato sviluppo economico e occupazionale.

20150929_165309-2Per tutte queste considerazioni, condividendo anche i contenuti della cosiddetta Carta di Milano sull’alimentazione e la nutrizione, la Regione Toscana, le Regioni Europee e gli organismi aderenti alla Rete NECSTouR hanno scelto di organizzare, in stretta collaborazione con la Commissione Europea ed in particolare con la Direzione Generale Growd, l’edizione 2015 del Seminario Euromeeting a Milano, nell’ambito di Expo 2015, in due giorni consecutivi il primo a Palazzo delle Stelline a Milano, il secondo all’Expo padiglione Unione Europea. Durante il Seminario il tema “Turismo Sostenibile” è stato affrontato da diversi aspetti. I problemi del settore turistico, i diversi parametri che attirano i turisti, come sono cambiate le esigenze del turista europeo, perché si sceglie un posto specifico, quale tipo di turismo è più interessante.

In particolare, il primo giorno dell’edizione di quest’anno, le Regioni aderenti alla Rete NECSTouR hanno sottolineato alcune questioni molto importanti per porre all’attenzione delle Istituzioni Internazionali, al mondo delle imprese, alle organizzazioni dei lavoratori e delle Istituzioni dell’Unione Europea la necessità di:

. dare seguito all’importante lavoro svolto durante tutto il periodo dell’EXPO Milano 2015 ed in particolare in Euromeeting, mantenendo e sviluppando ulteriormente le idee e le iniziative su cui sono stati avviati il confronto e lo scambio di esperienze;

. promuovere, anche nei confronti della Commissione Europea, un maggiore accordo tra le politiche di sviluppo dei settori: del Turismo, dell’Agricoltura e delle produzioni alimentari; del commercio e della distribuzione delle specialità enogastronomiche locali fortemente legate alle identità dei luoghi e delle relative comunità;

. operare al fine di cogliere, anche rispetto alle attività turistiche, gli obiettivi contenuti nella Carta di Milano, con particolare riferimento agli impegni espressamente richiamati:
contenimento e eliminazione degli sprechi di cibo;
-priorità nell’utilizzo di produzioni collegate ad un’agricoltura sostenibile;
-combattere l’obesità;
-combattere la fame anche promuovendo progetti di cooperazione per lo sviluppo turistico nei paesi in via di sviluppo e in difficoltà economiche;

.promuovere, anche sulla base delle importanti esperienze interregionali già maturate in materia di costruzione e promozione di itinerari turistico-culturali, una formale e fattiva collaborazione con il Consiglio d’Europa e con l’Istituto Europeo degli Itinerari culturali;

.operare in modo coordinato e condiviso per la creazione di un Gran Tour delle identità europee dei sapori e delle produzioni agroalimentari e enogastronomiche;

Tra tutti gli aspetti del turismo, quello più importante e invitante è sempre “il cibo” cioè enogastronomia; il turista si ricorda i sapori che ha assaggiato nei posti visitati, e se questo gli rimane in memoria ci ritorna volentieri. Se il gusto va associato anche ad un “panorama di sfondo” che propone arte, storia, divertimento con i sapori locali come propone Vetrina Toscana il viaggio del turista diventa indimenticabile e che vale la pena di rivivere.

Vetrina Toscana è il progetto di Regione Toscana -a cui collabora anche Unioncamere Toscana ed il sistema camerale toscano, nato per promuovere ristoranti e botteghe che utilizzano i prodotti tipici del territorio.

E’ un’azione di marketing per promuovere le imprese che ne fanno parte come ambasciatori del territorio. L’enogastronomia è vista come momento privilegiato di accoglienza ed occasione per incontrare l’arte ed il patrimonio di tesori culturali e paesaggistici. Vetrina Toscana ha scelto di promuovere le imprese organizzando eventi che abbiano per protagonisti i prodotti e il territorio dal quale provengono; associando degustazioni, rassegne, cene a tema con musei, siti archeologici, spettacoli, festival, biblioteche, eventi sportivi, ed ogni altra risorsa territoriale presente localmente.

Vetrina Toscana Grand Tour è stato presentato a Milano in occasione di Euromeeting dall’Assessore alle Attività produttive e Turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, che ha sottolineato “l’importanza di stimolare e sostenere i processi di innovazione che aiutano il settore del turismo” come fa la Regione Toscana. L’enogastronomia non è solo un vezzo per palati fini, ma è economia, cultura, storia, tradizione; è valore identitario: questo da 10 anni è quello che comunica Vetrina Toscana. Un progetto di promozione economica e culturale che attraverso gli chef e i loro ristoranti racconta e fa parlare i prodotti, anche grazie ad eventi che legano il cibo alla fruizione di location straordinarie come teatri, musei e luoghi al di fuori del classici circuiti turistici.

www.vetrina.toscana.it