Expo 2015

XIII EUROMEETING ALL’EXPO 2015

IMG_20151007_200736XIII EUROMEETING

Regioni Europee e Turismo Sostenibile

Euromeeting è un seminario a carattere internazionale, un appuntamento annuale organizzato dalla Regione Toscana per NECSTouR, rete di 30 regioni europee di cui la Toscana è capofila, unite per garantire uno sviluppo sostenibile e competitivo del turismo.

La Regione Toscana e la rete NECSTouR hanno da sempre condiviso con la Commissione Europea i temi di Euromeeting e da alcuni anni ha dato un importante contributo all’evento anche il Consiglio d’Europa.

NECSTouR e la Regione Toscana -promotrice e organizzatrice, dal 2001, dell’annuale Seminario dedicato al ruolo delle Regioni europee per lo sviluppo sostenibile del Turismo Euromeeting, riconoscono nei temi e nelle iniziative dell’Expo 2015 di MilanoNutrire il pianeta, energie per la vita” una grande opportunità anche rispetto al turismo e al ruolo che le Regioni possono avere per la creazione di ambienti favorevoli alle piccole e medie imprese per un loro equilibrato sviluppo economico e occupazionale.

20150929_165309-2Per tutte queste considerazioni, condividendo anche i contenuti della cosiddetta Carta di Milano sull’alimentazione e la nutrizione, la Regione Toscana, le Regioni Europee e gli organismi aderenti alla Rete NECSTouR hanno scelto di organizzare, in stretta collaborazione con la Commissione Europea ed in particolare con la Direzione Generale Growd, l’edizione 2015 del Seminario Euromeeting a Milano, nell’ambito di Expo 2015, in due giorni consecutivi il primo a Palazzo delle Stelline a Milano, il secondo all’Expo padiglione Unione Europea. Durante il Seminario il tema “Turismo Sostenibile” è stato affrontato da diversi aspetti. I problemi del settore turistico, i diversi parametri che attirano i turisti, come sono cambiate le esigenze del turista europeo, perché si sceglie un posto specifico, quale tipo di turismo è più interessante.

In particolare, il primo giorno dell’edizione di quest’anno, le Regioni aderenti alla Rete NECSTouR hanno sottolineato alcune questioni molto importanti per porre all’attenzione delle Istituzioni Internazionali, al mondo delle imprese, alle organizzazioni dei lavoratori e delle Istituzioni dell’Unione Europea la necessità di:

. dare seguito all’importante lavoro svolto durante tutto il periodo dell’EXPO Milano 2015 ed in particolare in Euromeeting, mantenendo e sviluppando ulteriormente le idee e le iniziative su cui sono stati avviati il confronto e lo scambio di esperienze;

. promuovere, anche nei confronti della Commissione Europea, un maggiore accordo tra le politiche di sviluppo dei settori: del Turismo, dell’Agricoltura e delle produzioni alimentari; del commercio e della distribuzione delle specialità enogastronomiche locali fortemente legate alle identità dei luoghi e delle relative comunità;

. operare al fine di cogliere, anche rispetto alle attività turistiche, gli obiettivi contenuti nella Carta di Milano, con particolare riferimento agli impegni espressamente richiamati:
contenimento e eliminazione degli sprechi di cibo;
-priorità nell’utilizzo di produzioni collegate ad un’agricoltura sostenibile;
-combattere l’obesità;
-combattere la fame anche promuovendo progetti di cooperazione per lo sviluppo turistico nei paesi in via di sviluppo e in difficoltà economiche;

.promuovere, anche sulla base delle importanti esperienze interregionali già maturate in materia di costruzione e promozione di itinerari turistico-culturali, una formale e fattiva collaborazione con il Consiglio d’Europa e con l’Istituto Europeo degli Itinerari culturali;

.operare in modo coordinato e condiviso per la creazione di un Gran Tour delle identità europee dei sapori e delle produzioni agroalimentari e enogastronomiche;

Tra tutti gli aspetti del turismo, quello più importante e invitante è sempre “il cibo” cioè enogastronomia; il turista si ricorda i sapori che ha assaggiato nei posti visitati, e se questo gli rimane in memoria ci ritorna volentieri. Se il gusto va associato anche ad un “panorama di sfondo” che propone arte, storia, divertimento con i sapori locali come propone Vetrina Toscana il viaggio del turista diventa indimenticabile e che vale la pena di rivivere.

Vetrina Toscana è il progetto di Regione Toscana -a cui collabora anche Unioncamere Toscana ed il sistema camerale toscano, nato per promuovere ristoranti e botteghe che utilizzano i prodotti tipici del territorio.

E’ un’azione di marketing per promuovere le imprese che ne fanno parte come ambasciatori del territorio. L’enogastronomia è vista come momento privilegiato di accoglienza ed occasione per incontrare l’arte ed il patrimonio di tesori culturali e paesaggistici. Vetrina Toscana ha scelto di promuovere le imprese organizzando eventi che abbiano per protagonisti i prodotti e il territorio dal quale provengono; associando degustazioni, rassegne, cene a tema con musei, siti archeologici, spettacoli, festival, biblioteche, eventi sportivi, ed ogni altra risorsa territoriale presente localmente.

Vetrina Toscana Grand Tour è stato presentato a Milano in occasione di Euromeeting dall’Assessore alle Attività produttive e Turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, che ha sottolineato “l’importanza di stimolare e sostenere i processi di innovazione che aiutano il settore del turismo” come fa la Regione Toscana. L’enogastronomia non è solo un vezzo per palati fini, ma è economia, cultura, storia, tradizione; è valore identitario: questo da 10 anni è quello che comunica Vetrina Toscana. Un progetto di promozione economica e culturale che attraverso gli chef e i loro ristoranti racconta e fa parlare i prodotti, anche grazie ad eventi che legano il cibo alla fruizione di location straordinarie come teatri, musei e luoghi al di fuori del classici circuiti turistici.

www.vetrina.toscana.it

L’AIA E CASSINETTA DI LUGAGNANO

 

 

Dross nel giardino dell'Aia prima di cominciare alla partita del calcio

Dross nel giardino dell’Aia prima di cominciare alla partita del calcio

Milano è una delle città più affascinanti d’Italia, si sa! La notizia è un’altra, devo dirvi che ci sono tanti altri posti che potete gustare intorno a questa città attraente. Se avete intenzione di vedere Milano o ci andrete per forza a vedere tanto discusso e atteso Expo 2015 (come si fa a non passare! Bisogna vedere il prodotto finale!) vi consiglio spassionatamente di andare un po’ fuori Milano.

 

Cassinetta bella

Cassinetta di Lugagnano

Ho avuto la fortuna di conoscere una piccola cittadina stupenda in provincia di Milano che si chiama Cassinetta di Lugagnano nel cuore del Parco del Ticino (a 25 km da Milano, facilmente raggiungibile in treno o in macchina), famosa per essere uno dei Comuni Virtuosi perché difende l’ambiente rispettando la natura, cementificazione zero, recupero e riqualificazione delle aree dismesse, bioedilizia compatibile con ambiente. Si è parlato molto di Cassinetta di Lugagnano negli ultimi anni sui media, grazie anche al grande lavoro svolto dall’ex sindaco Domenico Finiguerra, un borgo molto ben organizzato situato in riva al Naviglio Grande, immerso nel verde che dopo aver respirato per due giorni quell’aria talmente pulita e fresca ero pronta a correre una maratona! Cassinetta di Lugagnano possiede anche un ristorante di alto livello in cui molti politici si recano per discutere questioni importanti (si suppone). Tutti si ricordano ancora della visita di Berlusconi nel 2006 che era arrivato in elicottero parcheggiandolo nella piazza principale del paese. Lungo il fiume ci sono diverse dimore storiche seicentesche settecentesche appartenenti alle famiglie abbienti che da secoli abitano a Cassinetta di Lugagnano, una di queste, Villa Negri in cui risiedono discendenti della storica Famiglia Negri, oggi viene utilizzata per le cerimonie di matrimoni sia civili che religiose ed eventi meeting aziendali e feste private. Villa Negri è dotata di un grande parco e di numerose sale, che ospitano anche i dipinti degli antenati della famiglia.
Sempre lungo il fiume ho scoperto un Agriturismo altrettanto affascinante quanto Cassinetta di Lugagnano che si chiama l’AIA gestito dai signori Anna Baroni e Massimiliano Radice con l’aiuto del figlio Enea. La cascina è uno storico casale di campagna, con edifici del 1550-1700, che Anna, Massimiliano ed Enea hanno deciso di recuperare per creare un sistema agricolo che operasse nel totale rispetto dell’equilibrio ambientale, il più possibile ecologico. Anche per questo hanno aderito al progetto WWF “Fattorie del Panda”. La superficie aziendale è di circa dieci ettari, dove vengono coltivati secondo il metodo biologico cereali, ortaggi e frutti, privilegiando antiche varietà arboree con nespoli comuni, cotogni, ponciri e azzeruoli. Inoltre, a ridosso della cascina, Anna segue “L’orto dei semplici” con una raccolta di piante officinali ed un orto sinergico in fase sperimentale. L’Aia ha cinque stanze ben curate con tv e bagno, nel prezzo di alloggio è inclusa anche la colazione preparata da Anna con i prodotti locali, biologici e naturali. Tutte queste qualità fanno sì che un semplice biscotto diventi una parte molto importante di una sinfonia indimenticabile! Il biscotto fatto da Anna è davvero favoloso, morbido e leggero grazie alla farina integrale biologica prodotta dall’azienda.
Dal 2007 l’azienda ha aderito al progetto “Fioriture campestri nelle aree coltivate a cereali” reintroducendo i fiordalisi, oltre ai papaveri e camomille già presenti nei campi di grano.
In ottobre 2012, aderendo all’iniziativa della “Filiera del pane” del DESR, sono stati seminati sperimentalmente undici grani antichi di frumento, con la partecipazione dell’AIA e della facoltà Agraria di Milano. Si tratta di cultivar risalenti all’inizio del 900, provenienti dalle selezioni agronomi Todaro e Strampelli, che selezionarono i principali grani diffusi in tutto il mondo rurale del tempo. Questi grani sono caratterizzati da un glutine debole e quindi più facilmente digeribile. Sono a taglia alta (140-170 cm), non tollerano i terreni troppo ricchi di azoto, coprono bene il campo riducendo il problema delle erbe infestanti, sono rustici e danno dei risultati accettabili anche in terreni poco adatti, il che li rende adatti a un metodo di coltivazione biologico.
I prodotti dell’azienda in vendita allo spaccio sono:
Cereali biologici, farine (di grane tenero, integrali o semintegrali, di mais, integrale degli “11 grani antichi”, frutta e verdura di stagione (che secondo me con tutte le malattie che siamo circondati, sarebbe il momento di optare per la frutta di stagione come facevamo una volta, ed eravamo tutti più sani), erbe aromatiche, officinali e spontanee (menta, origano, melissa, malva, perilla, pepe dei monaci, rosmarino, limoncina, nepetella, salvia, lavanda, etc.…) tisane raccolte a mano ed essiccate lentamente.
Dopo la colazione se avete voglia di fare lo sport vi aspetta Dross! E’ un border collier (il cane di Fiorello nella pubblicità) dolcissimo, amante di sport e gioco che vi fa compagnia se lo gradite durante la vostra permanenza all’Aia. E’ talmente bravo a giocare calcio in qualità di portiere, se ci fosse nazionale composto dai cani di sicuro verrebbe scelto con il maggior numero dei voti! E sarebbe apprezzato tanto da Buffon! Ha anche gli aiutanti composti da sette gatti dolcissimi di nomi: Musetto Nero, Roby, Filippo, Mariottide, Mini Mariottide, Riccardino, Benito.
Agriturismo l’Aia offre anche molte attività didattiche divertenti e educative molto interessanti rivolte a gruppi, famiglie, centri estivi e Grest. L’azienda dispone di servizi per persone diversamente abili, ci sono luoghi riparati in caso di maltempo e area pic-nic. Luglio è il mese dedicato alla frutta, per chi vuole conoscerla meglio e riscoprire la sua importanza nell’alimentazione, un workshop molto divertente e interessante. Riconoscere i frutti autoctoni, riscoprire quelli antichi, un tempo caduti in disuso e oggi riscoperti per le loro caratteristiche congenite e altri particolari rari.
In queste ultime settimane il regista Giacomo Gatti, insieme al noto regista Ermanno Olmi, autore tra l’altro del film “L’Albero degli Zoccoli” (1978) vincitore della Palma D’Oro al trentunesimo Festival di Cannes, è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare, ha girato alcuni filmati all’Agriturismo l’Aia per valorizzare la coltivazione del grano nell’ambito del tema dell’Expo Milano 2015 “NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA”. La più antica tipologia del grano esistente, il triticum monococcum è originario della Turchia, ancora coltivato.
La Regione Lombardia sta progettando una superstrada che passerebbe anche da Cassinetta di Lugagnano nel Parco del Ticino danneggiando per sempre l’ecosistema… Speriamo che ciò non accada perché sarebbe un grave peccato!
AGRITURISMO L’AIA
Cascina Piatti
Alzaia del Naviglio Grande, 1
20081 Cassinetta di Lugagnano (MI)
Tel.: 02 94249090
Cell: 347 0023121
www.agriturismoaia.it
Email:agriturismoaia@hotmail.it