Istanbul

Dieci passi di Tango

Copertina Dieci Passi di TangoVi piace il tango? Siete appassionati a questa danza della passione? Sapete pure ballarlo? O come me avete sempre sognato di ballare tango… Vorrei introdurvi ad un autore Andrea Sardi. Andrea Sardi è un uomo versatile. Un autore che sa sognare e sa esplorare tutti i meandri dell’anima. Leggere “ Dieci passi di Tango” è come scoprire di saper ballare questo ballo che sempre più in voga in tutto il mondo. Una delle cose più belle che la globalizzazione ci ha regalato, milonghe a Istanbul, milonghe a Milano, milonghe a Berlino… emozioni dappertutto!
Andrea Sardi con il suo ultimo libro “Dieci passi di Tango” riesce a farvi provare le emozioni come se lo ballaste con una musica ritmica sottofondo che vi accompagna durante la lettura. Un libro molto bello e dolce, a tratti vi emoziona; a tratti vi fa fare le domande insieme all’autore che in qualche capitolo esplora la vita, cercando di dare un senso alle nostre azioni e emozioni. “Dieci passi di Tango” è un libro scorrevole di facile e piacevole racconto. Se vi piace la filosofia, se vi piace la poesia, e se vi piace il Tango, ve lo consiglio spassionatamente.
Innanzitutto complimenti! La prima domanda: Perché hai voluto scrivere un libro su tango?
Grazie, Selin, per la tua prima risposta, sentita, connessa alla tua esperienza personale. Alla mia condivisione è seguita la tua. Mi ha molto commosso. Anche questo “è Tango”. Sul tango sono stati scritti molti libri, alcuni utili a comprenderne la storia e lo spirito, altri le tecniche di ballo. “Dieci passi di Tango” non è un libro “sul tango”. E’ un dramma. Di fatto, un tango. Per me, scrivere e dipingere sono percorsi per prendere contatto, esplorare, dare voce, alla parte più profonda di ognuno di noi, lontana dalla razionalità. Quella parte luminosa e tuttavia spesso offuscata dalle paure, penetrata dalle radici dell’inquietudine: la nostra Anima. Anche questo “è Tango”. “Dieci passi di Tango” nasce sotto l’impulso della brusca perdita dei miei ultimi riferimenti. Il dolore di quei momenti prende a risuonare nelle struggenti composizioni di Di Sarli, Pugliese, Piazzolla, accelerando il mio viaggio interiore. Un giorno mi propongono di scrivere un testo di tango, per un concorso. Lo scrivo, senza inviarlo. Da quella poesia (“Per l’Argentina”), da ciò che stavo elaborando in me, nasce “Dieci passi di Tango”. Nella vita, come nel Tango, da un “vuoto”, possono partire molti cammini.
Ci puoi spiegare perché i passi sono dieci?
Perché su una tela dipingo determinati simboli? Perché faccio un certo sogno? Non lo so! A volte sarà l’Altro a svelarmi il segreto. L’arte, se sincera, è condivisione, dove ognuno interpreta, comprende e svela. Alfredo Moffat, psicanalista e psicologo sociale argentino, dice che nel Tango, vi sono quattro “Ruoli”: il Cantore che confida la perdita dell’Amato, l’Amato perduto, la Causa della perdita (la morte, il rivale in amore…), chi accoglie la confessione. L’Amato perduto rappresenta, sublimato nella poesia, lo smarrimento della propria “Anima”. Questa frammentazione è statica e riflette, a livello simbolico, quella interiore dell’Uomo, esasperata dalla perdita dei riferimenti esterni. Un altro psicologo argentino mi ha detto:”Il tuo dramma rispetta, nello spirito, la tradizione. Ed è un passo avanti poiché in esso i quattro “ruoli” si riuniscono. E’ ciò che vogliamo raggiungere in un percorso di crescita individuale” . Vedi Selin, io non ho prefigurato questo aspetto, eppure il mio percorso personale si è trasferito, inconsciamente e con sincerità, nel libro. E può essere condiviso.
Nel libro stai cercando di esplorare diversi sentimenti tramite i passi del tango, uno di questi è l’amore… Cosa ne dici a proposito?
L’amore, verso l’Amato, la Madre, l’amico, il luogo d’origine, è tema centrale del tango, non l’unico. Ma, ascolta con attenzione! Si coglie sempre, nelle parole e nella musica del tango, la vibrante espressione della nostalgia: dolore per una “perdita” o “lontananza”. Le origini del tango spiegano, sotto l’aspetto storico e psico-sociologico, le ragioni della “nostalgia per un altrove idealizzato”, accesa dal presente sconfortante. Il Tango parla anche del nostro quotidiano rapporto con la perdita o lontananza dell’Amato. Così possiamo commuoverci sino alle lacrime ascoltando le parole di “Adios Nonino”, rivivendo la perdita del nostro genitore. Ma sopratutto, oltre questa superficie pure così intensa, il Tango esprime, in modo delicato, invisibile ai più, sentimenti più forti: lo sgomento di fronte al Vuoto esistenziale, la Paura che ne deriva. Un Vuoto così profondo, esasperato dall’assenza di certezze e riferimenti esterni, da portare il Cantore a “fuggire”, con le sue parole, le sue emozioni, verso la nostalgia. Il protagonista di “Dieci passi di Tango”, in modo più consapevole ed esplicito, ad un tratto dice: <… “Dammi un pieno totale che io possa riempire il mio vuoto assoluto, e non sentire così paura!” Un pieno di Amore. Un pieno di paura, anche. Un pieno di dolore, anche. Qualunque pieno, anche una grande pena, per non sentire la mia stessa pena… >. Tuttavia quest’uomo decide di non fuggire dal Vuoto e dalla Paura. Dell’Amore si toccano in “Dieci passi di Tango”, altri aspetti che mettono alla prova la relazione. Tra tutti, lo scontro tra le Personalità. Soprattutto, si iniziano a suggerire, pur attraverso una forma interrogativa, delle risposte.
“Dieci passi di Tango” è un libro molto poetico, vedo che ti piace esprimerti con i versi che compongono delle bellissime poesie.
Nella poesia la parola risalta con maggior pienezza nello spazio lasciato da una struttura sintattica rarefatta. Il significato si amplia nel suono, nella metrica, o in una cadenza, un ritmo, suscita suggestioni nelle assonanze. Così supera la barriera della logica, comunica immediatamente attraverso l’emozione. Ho istintivamente scritto “Dieci passi di Tango” ascoltando costantemente Tango. Così anche la prosa segue quel ritmo, spesso si destruttura. Caduta la separazione prosa-poesia, alcuni versi raccontano, alcune frasi evocano. Logica e intuizione si integrano, si completano, canto e controcanto tra violino e bandoneon.
Si può mai riuscire a spiegare un Tango con le parole?
La musica, le liriche di Tango, suscitano emozioni così forti, così intimamente personali che non si possono spiegare e che al più si può avere la fortuna di condividere nel ballo, o nel canto, o nell’ascolto, con una persona che le senta altrettanto intensamente. Vorrei che la milonga vorrei fosse luogo di sincera accoglienza, di rispetto ed attenzione. Come tra veri amici, anche se non ci si conosce neppure, poiché nella vita siamo comunque compagni di viaggio. Vorrei il ballo fosse rispettoso, accogliente, senza esibizionismo. Il Tango esprime metafore bellissime del vivere: nell’abbraccio ciascuno è in equilibrio sul proprio asse, entrambi ruotano attorno all’asse della coppia. Se uno perdesse il proprio asse e l’altro cercasse di forzarlo, questo peggiorerebbe solo le cose. Per entrambi. Quindi: “Cerca e mantieni il tuo asse, e aspetta che l’Altro ri-trovi il suo”. Non sarebbe opportuno anche nella vita? Mi spiace che si associno al Tango l’eros o la sensualità. Vero, c’è chi vi cerca solo un superficiale elemento di “piacevolezza”. Ma anche questo rappresenta una difficoltà nel gestire il proprio Vuoto. E’ una “fuga”.
Quando vedremo “Dieci passi di Tango” nei teatri?
Appena riesco a trovare un produttore, non facile perché sono uno scrittore sconosciuto tra tanti, e perché alla parola “tango” si associa un mondo di adepti, mentre il Tango si rivolge all’umanità intera: accoglie le sue inquietudini, le sue paure, il suo smarrimento. Lo stesso disagio profondo degli emigranti europei di cento anni fa, che oggi viviamo senza neanche dover attraversare un Oceano. Il Tango è vivo, è “ora”.
Il prossimo progetto?
“Dieci passi di Tango”, suggerisce di accogliere il Vuoto, le “ferite primigenie”. Ciò presuppone il ritorno alle proprie origini: quelle dell’infanzia, dove l’Anima è stata per la prima volta ferita. Piuttosto che verso “l’altrove” il nostro viaggio è verso il “qui” interiore. Fronteggiare il dolore antico anziché seguire ciò che indurrebbe a compiere per compensarlo, non è facile né piacevole. Ma libera l’Anima dalla Paura, dall’inquietudine. Dicono: “Solo le salite portano in alto”. Grazie Selin, per aver accolto il mio sentire.

Il libro è distribuito in formato e-book su tutti gli e-book stores (Apple, Amazon etc.).
In formato cartaceo, SOLO da Feltrinelli. Va ordinato, o sul sito di Feltrinelli, o presso le librerie, perché è un “print on demand”. diecipassiditango@libero.it o a.sardi@libero.it

PIERO FASSINO

pierofassino2TORINO BELEDİYE BAŞKANI PİERO FASSİNO EYLÜL’DE TÜRKİYE’YE GELDİ VE İZMİR VE İSTANBUL BELEDİYE BAŞKANLARI İLE GÖRÜŞTÜ. KENDİSİ İLE TORİNO, VE TÜRKİYE’NİN AB’YE ÜYELİĞİ HAKKINDA SOHBET ETTİK.

 SELIN SANLI- SAYIN BASKAN TÜRKİYE ZİYARETİNİZİ NEYE BORÇLUYUZ?

 TORINO BELEDIYE BAŞKANI FASSINO– BURADA OLMAMIZIN BIRÇOK NEDENİ VAR, HERSEYDEN ÖNCE BURADAYIZ ÇÜNKÜ TÜRKİYE ÖNEMLİ BİR ÜLKE, SON YILLARDA TÜRK EKONOMİSİ MÜTHİŞ DERECEDE GELİŞTİ.

 SELIN SANLI-SİZCE BUNUN SEBEBİ NEDİR, TÜRKIYE BU GELİŞİMİ NEYE BORÇLU?

 TORINO BELEDIYE BAŞKANI FASSINO– ÇÜNKÜ TÜRKİYE YABANCI YATIRIMLARA AÇILMAYI BİLEBİLDİ. ULUSLARARASI PİYASALARDA KENDİNE YER AÇMAYI BAŞARDI. MODERNLEŞME SÜRECİNE ÇOK ÖNEM VERDİ VE BU KANUDA ÇOK BAŞARILI OLDU. VE SON YILLARDA DÜNYA EKONOMİSTLERİ VE YATIRIMCILAR TARAFINDAN DİKKATLE GÖZLENEN VE ÇOK İLGİ ÇEKEN BİR ÜLKE HALİNE GELDİ. İTALYA DA TÜRKİYE’DE SANAYİ ANLAMINDA MEVCUT OLAN VE TÜRKİYE’NİN BU DIŞA AÇILIMINDAN YARARLANMIŞ BIR ÜLKE. ÖZELLİKLE FİAT, FERRERO, UNICREDIT, FINMECCANICO TÜRKİYE’DE ÜRETİM YAPAN TORINO’LU MARKALAR. HEPSİ KENDİ ALANINDA ÇOK ÖNEMLİ MARKALAR. AYRICA ADI DAHA AZ BİLİNEN DİĞER BİR ÇOK SANAYİCİ TÜRKİYE’DE ÜRETİM YAPMAKTA. BİZİM DE AMACIMIZ BU İŞBİRLİĞİNİ İLERLETMEK. ÇÜNKÜ BUGÜNÜN ŞARTLARI İÇİNDE HİÇBİR ÜLKE TEK BAŞINA İLERİ GİDEMEZ. AMA TORINO YALNIZCA SANAYIDEN IBARET DEGIL. TORINO SEHRINDE AYRICA BİRÇOK KÜLTÜREL ETKİNLİKLER VAR. DÜNYANIN İKİNCİ BÜYÜK MISIR MÜZESİ BİZDE, SİNEMA TORINO’DA DOĞDU, ÇOK MODERN VE GÜZEL BİR SİNEMA MÜZEMİZ VARDIR. FIAT MÜZESİ GÖRÜLMEYE DEĞER. PIEMONTE BÖLGESİ’NDE MUHTEŞEM KAYAK MERKEZLERİ VAR. ÇOK GÜZEL ŞARAP VE PEYNİRLERİMİZ VAR. İTALYA’NIN İLK BAŞKENTİ OLDUĞU İÇİN GÖRÜLMEYE DEĞER BİR ÇOK TARİHİ BİNAMIZ VAR. VE TURKISH AIRLINES İLE HERGÜN İSTANBUL-TORINO SEFERLERİYLE İKİ ÜLKE ARASINDA ULAŞIM ÇOK KOLAY. TORINO AYNI ZAMANDA BİR ÜNİVERSİTE MERKEZİ, SON YILLARDA BİZ DE DEĞİŞMEYİ VE MODERNLEŞMEYİ ÖĞRENDİK. ŞEHRİMİZDE AYRICA ÇOK ÖNEMLİ ARAŞTIRMA MERKEZLERİ VAR. KISACASI TORINO’NUN TURİSTLERE SUNACAK ÇOK ŞEYİ VAR. BİZİM DE AMACIMIZ ŞEHRİMİZE GELEN TÜRK TURİST SAYISINI ARTTIRMAK. TÜRK BİR TURİSTİN TORİNO’DA GÖRECEK ÇOK ŞEYİ VAR. HEPİNİZİ BEKLİYORUZ.

 SELIN SANLI– GENEL OLARAK TURKIYE İLE İLGİLİ NE DÜŞÜNÜYOR SUNUZ?

 FASSINO- TURKIYE ÇOK ÖNEMLİ BİR ÜLKE, HER ALANDA DEĞİŞMEYİ VE GELİŞEBİLMEYİ BAŞARABİLMİŞ BİR ÜLKE, GEÇMİŞTEN GUNUMUZE YAPTIĞI ATILIMLARLA BUNU KANITLAMIŞTIR. BİZ DE İTALYA OLARAK BU ÜLKE İLE İLİŞKİLERİMİZE DEVAM ETMELİ VE BUNU GELİŞTİRMELİYİZ. TORINO BELEDİYE BAŞKANI OLARAK BURADAKİ MİSYONUM BU.

 SELIN SANLI-DÜN İZMİR’DE İZMİR BÜYÜK ŞEHİR BELEDİYE BAŞKANI İLE BİR PROTOKOL İMZALADINIZ. BUNUN İÇERİĞİNİ DİNLEYELİM SİZDEN…

 FASSINO– BU PROTOKOL İZMİR VE TORİNO ARASINDA EKONOMİK İŞBİRLİĞİ PROTOKOLÜDÜR. BUNU 12 EYLÜL GÜNÜ İMZALADIK. AYRICA TURİSTİK VE KÜLTÜREL İŞBİRLİĞİ DE YAPILACAK BU İKİ GÜZEL ŞEHİR ARASINDA. AYRICA BUGÜN İSTANBUL BELEDİYE BAŞKANI İLE İSTANBUL VE TORINO ARASINDA KÜLTÜR ALIŞVERİŞİ’NE DAYALI BİR İŞBİRLİĞİ’NDEN BAHSETTİK. İSTANBUL’DA MÜTHİŞ BİR KÜLTÜR HAZİNESİ VAR, BU AÇIDAN ÇOK İLGİNÇ VE ÇOK DOLU BİR ŞEHİR, TORINO DA ÖYLE BUNU GERÇEKLEŞTİRİRSEK MUHTEŞEM OLUR DİYE DÜŞÜNÜYORUM.

 SELIN SANLI– BU ÜÇ ŞEHİR ARASINDA BENZERLİK VAR MI?

 FASSINO- ÜÇÜ DE KENDİNE HAS EŞSİZ ÖZELLİKLERE SAHİP VE HER AÇIDAN BİR ÇOK KAYNAĞA SAHİPLER, ÜÇÜ DE AYRI GÜZEL ŞEHİRLER. TORINO SON YILLARDA SADECE SANAYİ ŞEHRİ OLMAKTAN ÇIKIP AYNI ZAMANDA TURİZM, KÜLTÜR VE SANAT ŞEHRİ HALİNE GELDİ

 SELIN SANLI– SON OLARAK TÜRKİYE’NİN AVRUPA BİRLİĞİ’NE GİRİŞİ KONUSUNDA İTALYA’NIN TUTUMU NEDİR?

 FASSINO– İTALYA BAŞINDAN BERİ BU KONUDA TÜRKİYE’NİN YANINDA OLMUŞTUR VE TÜRKIYE’NİN AVRUPA BİRLİĞİ’NE ÜYELİĞİNİ SONUNA KADAR DESTEKLEMEYE DEVAM EDECEKTİR. HALA BU KONUDA BAZI ENGELLER OLDUĞUNU BİLİYORUZ ANCAK BİZ TÜRKİYE’NİN AVRUPA BİRLİĞİ’NDE BULUNMASI GEREKTİĞİNE İNANIYORUZ.

 

PAOLA SALUZZI VE NAZIM HIKMET

paolasaluzzi2Italyan televizyonlarinin guzel sunucusu Paola Saluzzi ile gecenlerde cok keyifli bir roportaj yaptim. Paola son derece tatli ve alcak gonullu bir sunucu. Italyan televizyonu SKY’in haber kanalinda hergun ogleden sonra kusagini sunuyor. Kendisine televizyonda nasil kariyer yapilir diye sordugumda, oncelikle her daim calismaya okumaya ogrenmeye devam dedi, ardindan da nerede calismak istiyorsaniz oradaki en onemli yetkili kisiye gidip ona eger size bir sans verirse yanilmayacagini anlatin diye tavsiyede bulundu. “Tavsiye” yontemi hakkindaki fikirleriyse soyle:”Bence Amerika’daki gibi sozu dinlenir bir insan diger yetkiliye –bak burada boyle bir insan var, sana bildirmek istedim- seklinde konusursa bunun sadece faydasi var, ancak “tavsiyeli, torpilli” gibi gereksiz ve asagilayici yaklasimlarda bulunulursa olay cirkinlesiyor. En iyisi siz kendinize guvenin ve kendi kendinizin tavsiyesi olun!”. Paola cok hakli, kendinize inanin, kendinizi gelistirmekten asla vazgecmeyin ve sonuna kadar mucadeleden bikmayin. 49 yasinda ve yasini soylemekten gurur duyan bir bayan, ama kendisini gorunce ya diyorsunuz 49 yas hala genc bir yas, ya da bazi insanlarin yasi 36’da dona kaliyor! Cunku Paola 36’dan fazla gostemiyor. Bunun sebebini sorunca hic bir ayrintiyi atlamadan bana uzun uzun guzellik sirlarini anlatti. Gune gulerek ve mutlu baslayin, ne olursa olsun, bosverin faturalari, yagmuru, guzel bir gunaydin ile baslayin ve ardindan muhtesem bir kahvalti! Alti dilim ekmek (bana anneannemin soyledigi gibi sabah kahvaltisi altin, ogle yemegi gumus, aksam yemegi bakir kuralini hatirlatti. Ne kadar ilginc aslinda nasil da birbirimize benziyoruz! Bu  arada ben Sali gunleri camasir yikayamiyorum cunku bunu da anneannem soylemisti, kadincagiz belki bunda da hakli cikar. Ben onu dinleyeyim de! Bunu baska bir yazimda konusalim.) bir kase yogurt, bir fincan kahve, portakal suyu,gunes gozlugu yilin her gunu. Aksam eve donunce mutlaka makyaji temizlemeli ve cilde argan yagi ile masaj yapmali, bu arada gun icinde iki litre su sart! Haftada bir ya da iki kez mutlak hareket ve ayda bir yuze oksijen terapisi, ben bunu bir kac kez denedim gercekten cildi yumusacik yapiyor. Ask ve is arasinda secim yapmak zorunda kalsa hangisini secer acaba diye sordum, bana “Ask beni hayal kirikligina ugratti, ama isimde asla hayal kirikligi yasamadim” diye cevap verdi. Yine de eger “dikkate almaya deger bir ask” cikarsa karsisina yeniden evlenmeye ve ask ugruna biraz daha az calismaya hazir. Turkiye’yi nasil gordugunu sordugumda, “Istanbul’u yilar once sabah 6 sularinda gordum ve o an yasadigim hisleri anlatmak cok zor. Bir gemi yolculugundaydim ve inip o sehri yasamak daha sonra o guzel topraklarin ic kisimlarina dogru yolculuk yapip karis karis her yeri icime cekmek istedim. Ayrica yillar once Turkiye Avrupa Birligi’ne girmek isteyip reddedilmisti, simdi apacik ortada Avrupa Birligi’nin Turkiye’ye ihtiyaci var. Simdi bizim gidip Turkiye’ye lutfen bize gel dememiz gerek. Sinirlarin yok olmaya basladigi bir dunyada Turkiye olmadan ilerlemek imkansiz, ve de eger islami anlamak istiyorsak Turkiye’nin Avrupa ve Orta Dogu Ulkeri arasindaki tercumanligina ihtiyacimiz var.” Turkiye’den asik oldugu bir isim de var, kim acaba derken… “Nazim Hikmet ve yazdigi hersey… Lutfen bana Turkiye’den kendisinin turkce kitaplarini getir. Anlamasam da onemli degil, ben aski ve yasadigi topraklari bu kadar guzel anlatan bir sair gormedim, anlamasam da onemli olan o kitabi onun yazmis olmasi! Kisacasi Turkiye muhtesem bir ulke! Ve seni tanidigima da cok memnun oldum, harika bir elci oldugunu dusunuyorum Turkiye adina!” Ben de Paola’yi tanimaktan ve tanitmaktan cok memnunum, bana ettigi iltifat icin de tesekkur ettim kendisine, “ben iltifat etmem dogrulari soylerim”dedi, tamam burada kesiyorum, biraz benim de metedilmeye ihtiyacim vardi. Ayrica degerimi de bilin diye yazdim! Hepinize kucak dolusu sevgiler! Turkiye’mi cok ozledim! A presto! (yakinda gorusmek uzere!)