Langhe

Una cantina eccezionale e le tradizioni eccezionali riscoperte: Clavesana e Fiera del Bue Grasso

La Cantina Clavesana è sinonimo di amore per il territorio e i suoi frutti. Clavesana è una cooperativa composta da 350 piccoli e medi produttori sotto la direzione di Anna Bracco che da 40 anni fa parte di questa realtà con tanta passione che traspare da ogni sua parola quando racconta il lavoro svolto e i vini ottenuti. Sig.ra Bracco è un’ottima padrona di casa, gentile, dolce, generosa, attenta, contenta e fiera del suo lavoro e ascoltarla mentre racconta Clavesana e le Langhe è un vero piacere. 

direttore_AnnaBracco

Anna Bracco

 

Le Langhe

Le Langhe

La Sig.ra Anna Bracco racconta la realtà della Cantina così: “Clavesana è un modo di essere, attento alla sua storia, ma aperto agli altri. E’ un’azienda che ha capito quanto il territorio sia importante e quanto essa sia importante  per il futuro del suo territorio: la nostra è una terra originale, legata intensamente al Dolcetto. La passione per questo vino ha dato negli anni grande soddisfazioni: è un vino che oggi ha bisogno di farsi riscoprire dai nuovi consumatori italiani ed esteri per il suo valore. Un vino vero, schietto, elegante con i suoi profumi fruttati. Per questo abbiamo deciso di puntare su un disciplinare perfino più impegnativo di quello previsto per la Docg  e di legare il nostro Dolcetto al territorio puntando sul nome Dogliani, la città più importante di questa Langa. Sono nata su queste colline, in mezzo al Dolcetto, e da sempre Clavesana è una mia passione come lo è il suo vino. Una passione non trasmessa a parole, ma a sguardi: quelli di mio padre, preoccupato per una campagna che negli anni Ottanta si svuotava dei suoi agricoltori. Ma ho anche una certezza di avere qualcosa di valore autentico da far conoscere e apprezzare.

Vini

Vini

La Cantina Clavesana è la prova che quando uno sa apprezzare e valorizzare quello che ha con passione i risultati arrivano. La terra risponde all’amore, non all’abbandono e in più bisogna saper vedere quello che si ha. Clavesana ha saputo vedere lontano e dal 1959 ad oggi ha raggiunto circa 2.000.000 di bottiglie, l’obiettivo non è mai stato un numero a prescindere da quanti zeri essa può contenere ma mantenere la qualità migliorando e offrendo un vino indimenticabile e di compagnia, quando assaggiate un Dolcetto o Dogliani della Clavesana lo sentite subito! 

Clavesana è anche uno dei pilastri dell’economia della zona e non solo. La Cantina Clavesana oltre a produrre grandi vini con grande impegno stando attenta alla massima qualità fa anche da portavoce per la bellissima zona della produzione Clavesana e per Carrù in provincia di Cuneo nello scenario molto romantico delle Langhe. La dolcezza della zona vi colpisce in ogni frazione confinante a Carrù. Sinceramente non vedo l’ora di tornare a questa cittadina molto graziosa e accogliente, consiglierei vivamente di andare a scoprire questo diamante di posto con panorami da cartolina e assaggiare la cucina tipica creata con la stessa passione di chi coltiva la terra sicuro e fiero del prodotto finale, ovviamente gustare un buon vino di Clavesana, il mio preferito è il Clou- Dogliani Superiore DOCG (preferito di molti, quindi non è una sorpresa), colore rosso rubino intenso, al naso si sente note di ciliegia con poca percezione di fieno, al palato morbido, equilibrato, con retrogusto ammandorlato dal finale lungo, quindi ottimo in tutto per tutto! Oltre al Clou ci sono tanti altri vini squisiti della Cantina Clavesana che vi farò conoscere con le foto e le schede tecniche sul mio nuovo blog www.lovefoodfashiontravel.it  in partenza in prossimità di Natale e vi parlerò degli agriturismi, la storia della Cantina Clavesana più dettagliata e Casa della Piemontese.

Detto questo per il 2016 annotate subito per il mese di Dicembre di andare alla “Fiera del Bue Grasso di Carrù”, è una tradizione secolare che offre tanto gusto sotto Natale. Vi sveglierete prestissimo ai primi momenti dell’alba per assaggiare un bollito di trippa indimenticabile! Vedrete migliori capi bovini di razza piemontese, la premiazione con le prestigiose gualdrappe, bancarelle per tutto il paese (vuol dire è possibile anche acquisti diversi e bellissimi per Natale), esposizione delle macchine agricole molto simpatiche, cioccolata calda e panettone sulla strada insieme all’atmosfera caldissima (anche quando fa freddo) creata dalla fiera è davvero un’esperienza unica! Ogni viaggio è un’emozione, sicuramente ogni posto che desiderate vedere vale la pena di andarci;  vorrei solo sottolineare che proprio in questi giorni in cui ovunque c’è confusione forse sarebbe meglio apprezzare quello che abbiamo perché a casa nostra c’è di tutto!